Il progresso

Intendiamo uomini di progresso nel senso letterale del termine: uomini che marciano, che non si occupano del rango sociale di colui che ha affermato tale o talaltra cosa, ma vanno a vedere da sé stessi se la cosa affermata è vera; viaggiatori che percorrono l’Europa alla ricerca di procedimenti, metodi ed istituti degni di essere imitati; che non vedono perché mai si dovrebbe si dovrebbe passare sei anni ad apprendere una cosa, se è provato che la si può apprendere in due soli; che pensano soprattutto che il sapere non è nulla, e che invece fare è tutto, che le scienze non sono fatte per essere spiegate ma per produrre delle nuove scoperte e delle invenzioni utili; che, quindi, quando sentono parlare di invenzioni profittevoli, non si accontentano di lodarle o commentarle, ma offrono, se possibile, la loro fabbrica o la loro terra, i loro capitali o la loro dedizione, per farne la prova.

Jacques Rancière, Il maestro ignorante, Mimesis, Milano 2008, p. 124.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...