Sono i giovani intellettuali di destra. Sono la soddisfazione del bisogno di sentirsi allo stesso tempo “fighi” e “integrati”. Era meglio che arrimanevan sfaccimm