Il consulto informatico via telefono ai tardivi digitali è una specie di paradosso. Un po’ come se un cieco ti telefonasse per aiutarlo ad attraversare la strada, e tu non puoi che domandargli: “Cosa vedi?”