“Claudio, io è da anni che ti tengo d’occhio, da quand’eri un pesce piccolo democristiano un po’ inquisito, come tanti. Ma sin d’allora ho capito che in te c’era un grande talento. Io per queste cose ho un occhio. Per esempio, un giorno ho detto: bravo questo Mike Bongiorno, sarà un grande presentatore. Ed è andata così. E un’altra volta ho visto Ruud Gullit e ho detto: però questo negro, mi sa tanto che diventerà un gran calciatore. Nessuno ci credeva, eppure è andata così. O no?”
“Certo Presidente, ma io…”
“Lasciami finire. Sin dal primo momento in cui sono stato tuo ospite a Imperia ho capito che tu avevi un vero talento per gli Interni. Per l’arredamento, le tendine alle finestre, gli stucchi, gli arazzi. Come politico, sai, sei sempre stato una mezzasega. Ma come arredatore sei un genio ancora largamente inespresso. Un mago degli Interni. È per questo che ti ho fatto ministro”.
“Ah… beh…”
“E dopo un anno che sei lì, non sei ancora venuto a cambiare i cassettoni di palazzo Chigi, e non fai che rilasciare dichiarazioni su fatti che non ti riguardano! Si può sapere cosa ti ha preso?”
“Ehm… Presidente, forse c’è stato un equivoco”.
“Un equivoco?”
“Sì, direi un tragico qui pro quo”.
“Ma che qui e quo qua vai parlando, il fatto è che ti sei montato la testa. Non sei l’unico Ministro a cui è successo. Ma non credere che io ti mollerò così facilmente. Un talento come il tuo vale tanto oro quanto pesa. Vuoi che ti ritocchi lo stipendio?”
“No, Presidente, meglio di no…”
“Come vuoi. Allora magari ti raddoppio la scorta, eh? Quattro macchine blu davanti e dietro. Così lo sapranno tutti quanto ti stimo e la pianteranno di attaccarti”.
“Beh, Presidente, se insiste…”
“Ok, da domattina scorta raddoppiata. Però domani mattina alle nove precise voglio vederti a Palazzo Chigi per quei cassettoni. È chiaro?”
“Sì, mio Presidente”.
“Molto bene. Sogni d’oro, Claudio. A domani”.
“A domani Presidente”.

-click-
“Ouf”.
“Ma si può sapere chi era? Sono le tre del mattino…”
“Ma niente, era Claudio”.
“Claudio chi, il custode?”
“No, il mio arredatore, un pirla di Forza Italia. Bravo, eh. Però un pirla”.
“Certo che te li sai scegliere”.
“Oh, Veronica, credi che alla mia età sarei ancora in circolazione se mi scegliessi collaboratori intelligenti? Devono essere perlomeno più pirla di me”.
“Bella gara…”
“Cos’era, una battuta?”
“No, niente. Buona notte, Presidente”.
“Buona notte”.