Jeremy Burgess

Il passaggio di Rossi in Ducati è una bella sfida con lo stesso sapore di sei anni fa, quando passò in Yamaha. Solo che ora la situazione è inversa. Quando firmò per la casa dei tre diapason Valentino si portò dietro mezzo team Honda, lasciando una bella moto, potente e aggressiva, per una brutta da vedere, lenta ma più guidabile. Ora invece pare che non si porterà dietro Jeremy Burgess, il suo angelo custode, l’ingegnere della sua moto da sempre, da quando Vale sta nella massima categoria delle moto. Quindi abbiamo una situazione inversa: prima la moto faceva cagare e il team paura, ora la moto fa paura ma il team che si porta dietro non è lo stesso di sei anni fa. Non so se questo team fa paura quanto la Ducati che andrà a guidare. Staremo a vedere. Aldilà di tutto, questi discorsi valgono poco se pensiamo che l’80% della prestazione di una moto la fa il pilota. E non sono io a dirlo, ma Jeremy Burgess.

Amev

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...