La massa non c’è più

La parola massmedia sembra appartenere ormai a un’altra epoca. I tempi della tecnologia pesante. Il tubo catodico, la radio truetone, il videoregistratore, il mangiacassette. Più massa c’era, più tecnologia trovavi. Si parla di media ora, senza massa. Apparecchi che hanno perso non solo (la parola) massa, ma consistenza. Erano sorgenti da cui uscivano informazioni, suoni, immagini. Racchiudevano un tesoro. Erano bauli (il truetone), stanze (il cinegiornale, il salotto dove si riuniva la famiglia). Col tempo hanno smesso di essere un compatto crogiolo di apparecchi (tv+radio+telefono+salotto+famiglia) che strutturava una rete. Quando muori il mondo continua a girare. Gli ambientalisti rimproverano la generazione del dopoguerra di non aver dato peso a questa tautologia. Si potrebbe dire che il web sta diventando una tautologia. Ormai è sempre qui e ora, tra noi, come la realtà. L’information overload è un modo minaccioso per dire che tutto è più complesso. Prima le informazioni ci circondavano, spegnevi il televisore e stop. Ora le abitiamo. Gli apparecchi telematici hanno smesso di essere bauli e sono diventati finestre, orifizi. Buchi. Si sono moltiplicati, spezzettati, disseminati. Sono sparsi e confusi. Ora ognuno porta sempre con sé un pezzetto di media. Non deve andare a casa ad accendere la televisione se vuole vedere. Non ha solo il telefono per parlare. Non deve accendere per forza la radio per ascoltare. La massa non c’è più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...